Le cose e il paesaggio – Concorso – www.lecoseilpaesaggio.it

May 15, 2010


Tra cose e paesaggio si invera una reazione complessa e corrisponde ad una forma di
conoscenza che procede per disvelamenti successivi, per escavazione, per tentativi, quasi si
possa assistere ad una lenta emersione di porzioni preganti di mondo per poi ricadere vittime indifese dinnanzi ad un improvviso ammutinamento delle cose. L’incongruità tra cose e paesaggio si può far derivare in primis dalla diversa scala che ne contraddistingue l’esistenza e che non riguarda tanto la misura dell’una rispetto all’altro, tanto conclusa e piccola l’una quanto grande e esteso l’altro, ma la divergenza tra una stratificazione asincrona e eterodossa di fenomeni difficilmente confinabili – il paesaggio – e la mutezza di un pezzo che seppur finito, concluso, poiché frutto di strati, substrati, sedimi di usi, di storie, di reinvenzioni, si presenta ai nostri occhi difficilmente leggibile – la cosa. La loro vicinanza in cagnesco dipende anche forse dall’inconciliabilità tra pavento dell’incommensurabile e vertigine tattile, tanto altero il paesaggio quanto domestiche le cose. Serve una protesi visuale e mentale in grado interrogare questa tensione, di sottoporre a scandaglio tale relazione, un medium, quale la fotografia, in grado di fornirci lo spessore visivo appropriato.

Commissione giudicatrice
> ELIO GRAZIOLI
> FRANCO FARINELLI
> MAURIZIO VOGLIAZZO
> ROBERTA VALTORTA
> SABRINA RAGUCCI
> TANCREDI MANGANO
> WILLIAM GUERRIERI

%d bloggers like this: